Un anno senza David Sassoli

Un libro raccoglie i  suoi discorsi e la  lezione di ottimismo e di speranza


L’Europa ha bisogno di un nuovo progetto di speranza, un progetto che ci accomuni, un progetto che possa incarnare la nostra Unione, i nostri valori e la nostra civiltà, un progetto che sia ovvio per tutti gli europei e che ci permetta di unirci. Abbiamo bisogno di innovazione, non solo nella tecnologia, ma nelle istituzioni, nelle politiche, negli stili di vita, nel nostro essere comunità”, è questo il monito di Davide Sassoli, che nel primo anniversario della scomparsa ritorna vivo e pressante.

L’innovazione negli stili di vita, seguendo il sentiero dei valori, della cultura, del rispetto della dignità della persona, porterà certamente innovazione nella politica, nelle istituzioni e nell’intera società. 

La transizione ecologica, di cui l’Europa può farsi motore nel mondo, sarà possibile solo se verrà assicurata una vera equità sociale, riaffermando la centralità della persona, la tutela dei diritti, il rispetto delle differenze e della pluralità.

In questo difficile tornante della storia europea (guerra, pandemia, crisi economica, scandali…), le idee e la testimonianza culturale e politica di Sassoli lasciano intravvedere nuovi orizzonti per il processo di integrazione continentale Sassoli sosteneva, infatti,  che “i cittadini europei sentiranno di appartenere all’Europa se il suo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si rafforzerà e sarà in grado di diffondersi, anche al di là delle nostre frontiere”.

Rileggendo il suo ultimo discorso al Consiglio europeo del 16 dicembre 2021  

ritroviamo la ricchezza del suo testamento spirituale:”L’Europa ha bisogno di un nuovo progetto di speranza. Penso che questo progetto possa essere costruito intorno a tre assi forti, a un triplice desiderio di Europa che sia unanimemente condiviso da tutti gli europei: quello di un’Europa che innova, di un’Europa che protegge e di un’Europa che sia faro».

Abbiamo trascorso un anno segnato dall’ombra nera della guerra Russia-Ucraina, tanti morti, tante case, palazzi, uffici, impianti distrutti, tanti sacrifici annientati da missili e bombe e dal faro dell’Europa la luce della solidarietà, dell’unità, della  convergenza nell’aiutare le popolazioni ucraine è stata sempre accesa, anche se ancora non si è pervenuti all’auspicato accordo di pace.

Come ha scritto Sassoli “i nostri confini in alcuni casi sono diventati confini tra morale e immorale, tra umanità e disumanità, muri eretti contro persone che chiedono riparo dal freddo, dalla fame, dalla guerra e dalla povertà” e gli aiuti umanitari anche da parte del Vaticano sono stati un segno concreto di attenzione e di solidarietà. 

Le parole di Sassoli profumano di fraternità e proprio di questo ha bisogno la società di oggi, spezzando la crosta di egoismo e di interessi personali. 

I recenti fatti di cronaca che hanno interessato i palazzi dell’Unione Europea e i comportamenti di alcuni parlamentari, hanno tracciato un segno nero che potrà essere cancellato se viene riaccesa la luce dell’onestà nella ricerca del vero bene dell’intera Comunità Europea.Nel corso dell’anno, numerose sono state le iniziative e le manifestazioni in onore di Davide Sassoli ed ora giunge anche il volume “David Sassoli. La saggezza e l’audacia. Discorsi per l’Italia e per l’Europa”.

Il libro, edito da Feltrinelli e curato da Claudio Sardo con la prefazione firmata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sarà presentato il 9 gennaio a Roma, al Teatro Quirino con la partecipazione della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, di Romano Prodi (già presidente del Consiglio e poi della Commissione Ue).

David Sassoli ha indirizzato il suo progetto europeo, ricalcando i valori acquisiti e interiorizzati nel corso della sua formazione alla scuola di Don Milani, del quale quest’anno, il  27 maggio, si celebrerà il primo centenario della nascita:  “Tra giustizia e ingiustizia non esiste il centro; I privilegi ricevuti vanno restituiti con l’impegno di essere al servizio dei più deboli; Al primo posto la non violenza, lo studio e la competenza; Il problema degli altri è il mio problema; L’indifferenza non è un’opzione”

Ricordare, a un anno dalla scomparsa, il presidente Sassoli, significa anche confermare il percorso verso una maggiore integrazione comunitaria che consolidi politiche atte a rispondere ai problemi quotidiani dei cittadini, delle famiglie, delle imprese, degli Enti locali dei 27 Stati aderenti, nella prospettiva di un’Europa efficace al suo interno e aperta verso il resto del mondo.

Il suo sorriso rasserenante e giovanile rimane, ora, in questo difficile tornante della storia europea, un segno di speranza.

Giuseppe Adernò

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...